Documenti necessari per la separazione

Documenti per la separazione consensuale

  1.   Estratto per riassunto dell’atto di matrimonio (si richiede presso lo Stato civile del Comune ove è stato celebrato il Matrimonio);
  2.   Certificato di residenza e stato di famiglia, anche contestuale, di entrambi i coniugi;
  3.   Dichiarazioni dei redditi degli ultimi tre anni di entrambi i coniugi;
  4.   Copia di un documento di identità e codice fiscale di entrambi i coniugi.

Documenti per il divorzio congiunto

  1.   Estratto integrale dell’atto di matrimonio (si richiede presso il Comune in cui è stato celebrato il matrimonio – si rammenta che l’estratto per riassunto o il certificato semplice di matrimonio non sono accettati nella maggior parte dei Tribunali);
  2.   Copia autentica del verbale di udienza e omologa di separazione, oppure sentenza di separazione con attestazione del passaggio in giudicato;
  3.   Certificato di residenza e stato di famiglia, anche contestuale, di entrambi i coniugi;
  4.   Dichiarazioni dei redditi degli ultimi tre anni di entrambi i coniugi;
  5.   Copia di un documento di identità e codice fiscale di entrambi i coniugi.

Documenti minimi per la separazione giudiziale

  1.   Estratto per riassunto dell’atto di matrimonio (si richiede presso lo Stato civile del Comune ove s’è celebrato il matrimonio);
  2.   Certificato di residenza e stato di famiglia, anche contestuale, di entrambi i coniugi (non è possibile utilizzare l’autocertificazione);
  3.   Dichiarazione dei redditi del ricorrente degli ultimi tre anni almeno;
  4.   Copia di un documento di identità e codice fiscale del ricorrente;

Documenti minimi per il divorzio giudiziale

  1.   Estratto integrale dell’atto di matrimonio (si richiede presso il Comune in cui è stato contratto il matrimonio);
  2.   Certificato di residenza e stato di famiglia, anche contestuale, di entrambi i coniugi;
  3.   Dichiarazione dei redditi del ricorrente degli ultimi tre anni almeno;
  4.   Copia di un documento di identità e codice fiscale del ricorrente;

I certificati devono essere richiesti in carta libera (ai sensi dell’art. 19 della legge 6 marzo 1987 n. 74) ad uso separazione o divorzio, sono esenti da imposta di bollo (salvo eventuali diritti di segreteria, di norma pochi centesimi di euro) ed hanno validità di mesi sei. Presso molti Comuni italiani questi certificati vengono rilasciati anche on line e sono legalmente equiparati alla copia cartacea.

 

Chiamami al 393 946 1552